Si è verificato un errore nel gadget

lunedì 31 maggio 2010

C2C..un sogno diventato realtà

Una delle esperienze più belle che abbia mai vissuto..la mitica C2C edition two, la traversata della Sicilia da Agrigento a San Vito Lo Capo.
E non mi riferisco soltanto ai 320 km percorsi in 4 giorni sotto al sole estivo dell'entroterra siciliano , ma anche alle persone che si conoscono, con le quali si condivide una vacanza particolare, di gran lunga meno rilassante delle solite.


Un riferimento particolare va a Franco Tedesco..un 60enne con la forza e, soprattutto, l'entusiasmo di un ragazzino; ad Ale Fierotti, un simpaticissimo Palermitano "foddi" dalle mille qualità, e potrei citarne tanti altri, ma basta dire che tutti coloro che han partecipato eran accomunati da un profondo amore per la Mtb, per la natura, per la nostra terra, pronti a girarsi dopo ogni scollinamento per osservar il paesaggio che avevano appena superato.
Sono stati giorni difficili, lo ammetto.. non avevo l'esperienza degli altri, possedevo (e la posseggo tutt'ora!) una bici poco adatta e non conoscevo la mia resistenza ma non sono mai rimasto solo, ho imparato molto dall'esperienza degli altri e sono arrivato fino all'ultimo giorno senza mai salir sul furgoncino, anche se più volte avrei voluto cedere!
E poi quell'ultima giornata...tutta quella strada, quel monte Inici che non finiva mai, la vista su Castellammare, il mare, la paura di non arrivare per sera e , nonostante ciò, l'attraversamento della Riserva dello Zingaro..l'avevo tanto desiderato, siamo arrivati all'ingresso verso le 18, se non ricordo male, e c'era il rischio di non farcela prima del tramonto..e così è stato! ma è proprio per questo che mi è rimasto un ricordo indelebile: abbiam avuto modo di guardar il tramonto su monte Cofano da lassù, soli, in mezzo a quei percorsi che in diversi tratti non esistevano nemmeno..e poi tutti quei tornanti su sterrato fatti alla scarsa luce di qualche lampada portatile e in coda,i fari del furgone che Franco è riuscito, non so come, a portar fin lassù!
e infine l'arrivo a San Vito, il bagno, quell'ultima mangiata tutti assieme.
del viaggio di ritorno non ricordo più nulla (la stanchezza mi ha trascinato in un sonno profondo) se non quel gran dolore alle chiappe dovuto a tutti quei giorni sul sellino!!

8 commenti:

  1. complimenti! non ci crederai ma mentre leggevo le tue suggestive impressioni e guardavo le foto, mi è sembrato di ricordare, di risentire certi odori, certi profumi di estati passate in Calabria. Quell'aria secca, la sensazione del sole sulla pelle che stanca molto meno del sole del nord che è invece soffocante per via dell'umidità. Il fondo fresco (se non freddo) dell'aria la sera... E' piacevole ritrovare a Parigi certi odori, anche se ciò mi fa venire anche un po' di invidia e di malinconia. Pensi di rifarla questa esperienza?

    RispondiElimina
  2. lo spero davvero anche se sarà difficile che riesca..è già tanto che questa estate scenderò anche una settimana....

    RispondiElimina
  3. Bel commento Ale, e bella presentazione, mi hai fatto venire voglia di fare qualche pazzia sportiva-naturalistica!!

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. CAro Ale, so che dovrò presto abituarmi ai 60 anni ma ancora ne ho 56!Scherzi a parte sei stato un protagonosta nell C2C sia per simpatia che per prestazione atletica.. Ti scrivo da Salemi (Villa Mokarta, ricordi?) stiamo accompagnando un gruppo incredibile di ragazzi lombardi che scopriamo poco a poco essere deglli sportivi di altissimo livello; molti di loro sono degli scalatori da sci alpinismo, altri hanno scalato vette hymalayane con la mtb sino a 5600 metri! Siamo onorati che abbiamo deciso di partecipare ad una C2C tutta per loro!Domani ci aspetta l'Inici! Al ritorno foto e commenti sul sito! Abbracci, Franco.

    RispondiElimina
  6. Tanti ricordi, e un po di nostalgia, due lacrimucce che male non ci stavano..... caro Ale quest'anno purtroppo non potrò esserci, ma farò di tutto per venire l'anno prossimo. sentiamo.

    Il tuo amico Diego

    RispondiElimina
  7. Salut mon ami,

    La mia prima COAST2COAST ... e tu il primo a chiedermi come cazzo aveva fatto un "belga" per ritrovarsi tra di voi a vivere questa avventura !
    Finalmente l'abbiamo vissuta insieme questa terza edizione. Bé, insieme non proprio perché tu eri sempre davanti e sei arrivato sempre 1 ora prima di me. Ma l'hai fatta davvero la C2C o ti aspettava ogni volta una macchina per portarti all'albergo successivo ??!! Scherzi a parte sei troppo forte ! Patrick

    RispondiElimina